caos-notte-luci

CAOS – Centro per le Arti Opificio Siri è un centro culturale dedicato alla fruizione delle arti e alla produzione creativa.

Di proprietà del Comune di Terni, nato dalla riconversione dell’ex fabbrica chimica SIRI, è attualmente gestito da un’A.T.I. – associazione temporanea di imprese -, che si occupa di gestire progettazione e servizi.

Il CAOS ha nel DNA 5600 mq dedicati alla cultura, alla sperimentazione e all’innovazione, da vivere 24 ore, animato tra 4 soggetti e 23 teste, 46 braccia sempre in movimento per promuovere innumerevoli idee e linguaggi artistici.

Il CAOS si compone di una pluralità di spazi, a cui corrisponde un panorama di attività che include la realizzazione di mostre temporanee, eventi e attività di ricerca e promozione di nuovi talenti con residenze, laboratori e progetti internazionali.

Il CAOS vuole essere un centro attuatore, un luogo multiplo dedicato alla ricerca e che faccia da catalizzatore culturale per la città e da motore propulsore di progetti legati alla contemporaneità, pur mantenendo uno sguardo attento verso la tradizione. Un centro con un raggio che oltrepassa lo spazio compreso tra le sue mura.

Il CAOS è tappa fondamentale nel processo di ridefinizione della città di Terni sotto il segno della contemporaneità: il recupero degli spazi dell’ex Siri segna una scansione importante e emblematica delle trasformazioni economiche, architettoniche e urbane che stanno trasformando il profilo della città, non più unicamente votato alla produzione industriale, ma in continua evoluzione.